SanitàService: botta e risposta tra Ugl e società

SanitàService: botta e risposta tra Ugl e società

Sarebbe avvenuta a luglio scorso la selezione interna a Sanità Service, per individuare 26 lavoratori categoria B3, ovvero coordinatori, i caposquadra. Lo ribadisce Gabriele Onorato, amministratore unico della società, smentendo e rispondendo a quanto detto dal segretario provinciale della Ugl Vito Perrone. Il sindacalista infatti, aveva rilasciato una dichiarazione a telerama e a SanitàSalento, denunciando la mancata legittimità da parte di Onorato, nella procedura assunzionale dei coordinatori, tanto da minacciare un esposto in procura perché la magistratura accendesse un faro sul comportamento dell’amministratore che, a dire di Perrone, non terrebbe conto della natura pubblica della società che, pur essendo privata, é però a capitale pubblico e non potrebbe quindi – ribadisce Perrone – fare assunzioni a chiamata diretta, senza un concorso.

Onorato, che é pronto a querelare Perrone, fa sapere invece che la selezione pubblica dei coordinatori è stata pubblicata il 23 luglio scorso sul sito web di SanitàService, non solo, ricorda che Perrone non partecipa alle riunioni sulla società, dal 2017 e che al momento non c’è stata alcuna convocazione da parte della direzione dell’Asl, come invece ha fatto sapere il rappresentate dell’Ugl.

L’amministratore unico della società, ribadisce anche che a fine mese i 26 caposquadra seguiranno obbligatoriamente un corso di formazione specifico sulla sicurezza sul posto di lavoro, certo devono ancora farlo, mentre colleghi ausiliari li hanno dovuti pagare per espletarli e poterli esibire come requisiti indispensabili al concorso per 30ausilairi e ora i loro superiori che hanno già firmato il contratto devono invece ancora regolarizzare la loro posizione con la formazione di primo soccorso e antincendio.

“Non ci si può rimangiare tutto quanto, dopo averlo sottoscritto – è il commento di Gianni Palazzo, rappresentate sindacale della USB. Il piano assunzionale – ricorda Palazzo – é stato infatti sottoscritto da tutte le sigle sindacali ed è strano che solo dopo la pubblicazione delle graduatorie, qualcuno si ricordi di disconoscere quanto sottoscritto.

Gli impegni presi vanno rispettati responsabilmente – conclude Palazzo, che aggiunge: grazie all’ottimo lavoro svolto negli ultimi tre anni di pari passo dall’amministrazione Sanitaservice, le OO. SS. e la ASL Lecce, i lavoratori hanno raggiunto risultati importanti: full time, passaggio in A2, formazione, nuove apparecchiature, bandi di concorso esterni per il CUP/Ticket, ausiliari, ed interni, Capoarea e Caposquadra.
Tutto si è sempre svolto nella massima trasparenza, correttezza e nel rispetto di regole concordate e condivise.”

Roberta Grima
ADMINISTRATOR
PROFILE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

it Italian
X