Lungodegenza a Campi, lavori fermi da 5 anni, Rollo va a smuovere le acque

Lungodegenza  a Campi, lavori fermi da 5 anni, Rollo va a smuovere le acque

Ha constato quanto esisteva da anni. Il direttore generale dell’asl salentina Rodolfo Rollo, si é recato nei giorni scorsi a Campi salentina per vedere lo stato dell’arte della palazzina in cantiere, che si trova di fronte al presidio territoriale. I lavori dell’edificio in costruzione, sono fermi da circa cinque anni, con un finanziamento di tre milioni di euro provenienti dallo Stato, tramite la legge sull’edilizia ospedaliera (ex articolo 20).

Già noi di SanitàSalento.net, avevamo segnalato lo stallo del cantiere e il conseguente rallentamento per completare la lungodegenza nel presidio territoriale di assistenza, privando così di un servizio i cittadini. I lavori infatti, iniziati nel 2013, servirebbero a realizzare una palazzina dove poter trasferire gli uffici amministrativi, attualmente collocati nel PTA, dove invece dovrebbero esserci più posti letto per i degenti.

Il 15 novembre scorso, Rollo con i tecnici dell’asl si è recato sul posto, dove ad attenderlo c’era il sindaco Alfredo Fina, la consigliera comunale delegata alla salute, Lorena Spalluto, l’assessore comunale Fabrizio De Luca, il dirigente medico delegato Dott.Roberto Pulli e il segretario territoriale FSI – USAE Lecce, Francesco Perrone.
Proprio quest’ultimo, già nel 2015, scrisse una lettera all’asl, in cui lamentava il mancato completamento del cantiere, Perrone chiedeva in quella lettera perché non fosse stato inserito un servizio di vigilanza, visto anche le dimensioni del cantiere che rimaneva, come tutt’ora sembra, abbandonato e in ultimo per quale ragione non si addebitasse all’impresa, la Cantieri Generali spa di Casarano, tutti i ritardi, i disagi e i danni, che ne derivano dal mancato completamento dell’edificio, ma soprattutto perché l’asl non revocasse l’appalto all’impresa.

Un cantiere pericoloso e senza norme di sicurezza
Tutti interrogativi rimasti inevasi nel tempo, adesso finalmente qualcosa sembra muoversi. Il direttore Rollo, ha preso atto che l’area risulterebbe sprovvista delle misure di sicurezza più importanti, proprio come avevamo già segnalato anche noi: ponteggi precari e arrugginiti, vani ascensori aperti con un precipizio di decine di metri e numerose opere edilizie da ultimare dalla ditta.

Fare subito il piano terra, per ottenere 20 posti di lungodegenza
Il direttore Rollo, ha dato quindi indicazioni al rappresentante dell’impresa, cosi come già concordato con il legale della stessa, avvocato Federico Massa, di riprendere urgentemente la prosecuzione dei lavori, portando a definizione almeno in tempi brevi, il piano terra della palazzina, si da poter trasferire gli uffici dell’igiene pubblica e del servizio veterinario, lasciando liberi gli spazi attualmente occupati al terzo piano del presidio territoriale di assistenza e che verrebbero occupati quindi con le degenze, per arrivare a 20 posti letto di lungodegenza.

Garanzie alla ditta
La Cantieri Generali spa, chiede però garanzie all’azienda sanitaria. “I lavori sono fermi – dice l’avvocato Federico Massa – da ottobre del 2018, da quando si dimise il direttore dei lavori, ingegnere Antonio Leo, senza il quale non si poteva andare avanti con le opere – da allora non abbiamo più saputo nulla, non abbiamo una situazione chiara, per cui l’impresa dà all’asl la massima disponibilità, purché ci sia da parte sua una proposta definita e precisa.

L’asl rischia di pagare i danni all’impresa
Tanto per cominciare l’asl qualche mese fa, ha nominato il nuovo direttore dei lavori, ma la Cantieri Generali spa, non ha ancora comunicazione ufficiale, rimanendo in una situazione di stallo da tempo, tanto che l’impresa un mese fa, ha scritto, per mano del suo legale, una lettera di risoluzione del contratto, proprio perché sospeso da tempo non più tollerabile. L’azienda sanitaria rischierebbe di dover versare un indennizzo alla ditta e purtroppo non sarebbe la priva volta.

“Ho molta stima del direttore Rollo – ha detto l’avvocato Massa – sono sicuro che troveremo una soluzione – anche se la vicenda non è esclusivamente in mano sua, occorre un supporto tecnico – amministrativo, anche per valutare se è fattibile affidare le opere di realizzazione del piano terra all’impresa, per fare prima e lasciare il resto dell’edificio ad una nuova gara per esempio, dipende da cosa intende fare l’asl. A dare l’imput però, non può essere soltanto il direttore generale, che sta già lavorando in tal senso, ma anche il RUP (responsabile tecnico di procedimento) ingegnere Fiorenzo Pisanello, che per legge è colui che deve gestire l’appalto. Il Rup infatti, dovrebbe approvare e autorizzare eventualmente la ripresa dei lavori.

Rollo ha poi approfittato a visitare i nuovi locali del servizio dialisi, dell’unità di degenza territoriale che a breve, appena finti i lavori di messa a norma al quarto piano del presidio ospedaliero, sarà aumentata a 20 posti letto, ci saranno poi le sale operatorie dove si attiverà il Day Surgery, per gli interventi di piccole dimensioni.

Franco Perrone

“Come Organizzazione Sindacale maggiormente rappresentativa presso il distretto di Campi Salentina – ha dichiarato Fanco Perrone della FSI – USAE – dobbiamo ringraziare al momento il Direttore Generale per la sua spinta propulsiva per la prosecuzione dei lavori della Palazzina degli Uffici Amministrativi, ma anche per la definizione positiva per l’incremento dei posti letto in UDT e per l’attivazione delle Sale Operatorie che libererebbero molta attività operatoria presso il “Fazzi” di Lecce, dando la possibilità, ad un territorio come quello di Campi Salentina, con quasi 90000 abitanti, di fruire di servizi assistenziali efficienti. Per questo aspettiamo ancora l’acquisto di una nuova TAC di ultima generazione ed una RMN. L’augurio é che Campi anche con il nuovo Sindaco ed la nuova Amministrazione Comunale, abbia un futuro migliore, noi comunque come come organizzazione sindacale saremo sempre pronti a vigilare.”

Roberta Grima
ADMINISTRATOR
PROFILE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

it Italian
X