Ordine dei Medici: eletto De Giorgi presidente

Nominato ieri sera il nuovo presidente dell’ordine dei medici, Donato De Giorgi, primario della chirurgia di Copertino e a scavalco di Galatina. Il dottore De Giorgi prende quindi le consegne dall’uscente Luigi Pepe, dopo le votazioni del consiglio riunitosi ieri, che ha decretato oltre al neo presidente De Giorgi, il vicepresidente Gino Peccarisi, medico di continuità assistenziale, la segretaria dell’ordine Assunta Tornesello nonché responsabile dell’oncoematologia pediatrica del “Fazzi” e il dottor Cosimo Nuzzo tesoriere dell’ordine.

Il dottore De Giorgi é risultato tra i più suffragati nelle ultime votazioni con 977 voti, seguito dal dottor Colonna, Corrado Manca e il primario del pronto soccorso di Lecce Silvano Fracella, con 938 voti segue Gino Peccarisi, fondatore dell’associazione “Sanità che cambia”, che ha costituito la nuova lista degli eletti vincendo la concorrente dalla quale è riuscito ad entrare in consiglio, soltanto l’ex presidente Lugi Pepe.

Un uomo pacato, accomodante, pronto al dialogo, determinato su alcuni punti essenziali che coinvolgono la categoria dei medici, Donato De Giorgi era in dubbio se accettare o meno l’incarico, dopo il rifiuto del dottore Accogli primo papabile alla presidenza dell’ordine professionale, che però ha desistito per ragioni familiari.
De Giorgi arriva alla presidenza in un momento molto difficile per il sistema sanitario. “Obiettivo primo – ha detto sarà quello di difendere la categoria dei medici, restituendo loro la dignità che meritano, attraverso un patto della salute da sottoscrivere con tutte le parti interessate: istituzioni, media, cittadini.Si lavorerà in equipé, puntando sulla partecipazione, promuoverò – ha aggiunto il neo presidente i consigli itineranti, andremo a discutere delle varie problematiche e idee tra i medici, negli ospedali, tra i cittadini, con la massima partecipazione e coinvolgimento.”

Altri nodi da affrontare la carenza di personale medico sia negli ospedali dove é sotto gli occhi di tutti, sia nel territorio dove nel prossimo triennio quasi 1000 medici andranno in pensione senza essere sostituiti, se continua ad esserci il blocco del turn over e il numero chiuso nelle facoltà di medicina

“C’é poi la formazione – ha detto ancora il dottor De Giorgi – su temi caldi come il risk management a cui siamo continuamente soggetti, la trasparenza e il rapporto umano con i pazienti che non sempre si riesce a curare, come si dovrebbe proprio perché sempre in affanno e carenza.”

A chi poi si domanda come il dottore De Giorgi potrà conciliare il nuovo ruolo con quello che già ricopre di primario della chirurgia di Copertino e Galatina, il medico risponde: “mi sono posto questo problema sin da subito, so di non essere solo nel ricoprire la presidenza dell’ordine, nel primo consiglio utile verranno istituite delle commissioni ad hoc, specifiche per ogni settore, questo mi mi fa stare più tranquillo, inoltre posso dire con un certo orgoglio di avere una valida squadra in ospedale su cui contare, che non vede l’ora di poter dimostrare quanto vale.”

Scritto da

La riproduzione di questo articolo è riservata.

Non è presente nessun commento.

Invia una risposta