Innovazione nelle malattie renali. Un corso a Bari l’8 settembre

Uno strumento fondamentale per capire le funzionalità del rene, per individuare eventuali lesioni o infezioni renali, é l’esame delle urine, che in una percentuale compresa tra il 10 e il 30%, permette agli specialisti di riconoscere in tempo infiammazioni e alterazioni. Oggi le aspettative dei pazienti dalle nuove metodiche della medicina, sono sempre più alte, il che comporta la necessità per i medici, di aggiornarsi sulle nuove metodiche, impiegando indicatori affidabili per un intervento sempre più precoce, con formazione specifica sempre più elevata, per consentire un approfondimento. Le tecnologie in quest’ambito stanno evolvendo in modo molto rapido, ma tale miglioramento servirebbe a poco se non fosse adeguatamente integrato e gestito da idonee competenze professionali. Ne sono convinti i responsabili scientifici dell’evento formativo in tema, i dottori Antonio De Santis, Giovanni Dirienzo,Fabio Manoni, Giuseppe Miragliotta, che organizzano l’8 settembre prossimo, presso Villa Romanazzi Carducci a Bari, un corso di aggiornamento in medicina di laboratorio, promosso in collaborazione con il GIAU (Gruppo Intersocietario Laboratorio e Clinica apparato Urinario), dal titolo “L’esame delle urine: percorso condiviso tra Medicina di Laboratorio e Microbiologia. Nuovi orizzonti e innovazioni tecnologiche”. Una giornata che si aprirà alle 8 e 30 a tutti gli interessati che potranno ottenere 7 crediti formativi.

per info: tel. 080 5045353 – E: ellerre@ellerrecentre.com

Scritto da

Roberta Grima

La riproduzione di questo articolo è riservata.

Non è presente nessun commento.

Invia una risposta