Immuno-oncologia, nuova frontiera per la lotta contro il tumore

600 milioni recuperabili dalle tasse sul fumo di sigaretta, da destinare alla prevenzione dei tumori, con l’acquisto di farmaci innovativi anticancro. E’ la proposta di Emilia De Biase, presidentessa della commissione sanità al Senato, che ha avanzato l’emendamento a sua firma, alla alla nuova legge di bilancio. Un’idea che trova il plauso di Paolo Antonio Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori, Fondazione ‘G. Pascale’ di Napoli.

“I fumatori in Italia rappresentano il 22,3% della popolazione, pari complessivamente a circa 12 milioni di persone. Questa notevole diffusione del fumo, soprattutto in ambito femminile, – ha dichiarato Ascierto – ha determinato un vero e proprio boom di diagnosi di cancro del polmone fra le donne: 13.600 nel 2017 (+49% in 10 anni). L’incremento del prezzo può costituire un valido ostacolo nel tenere lontano dal vizio soprattutto i più giovani, oltre che rappresentare una battaglia di civiltà contro il principale fattore di rischio oncologico”.

Non basta però aumentare il costo delle sigarette, servono investimenti nelle nuove cure, in particolare nell’immuno-oncologia che sta prendendo sempre più piede nella lotta contro i tumori, con risultati significativi.

Oggi ci sono molecole (inibitori check point) che sempre più sono in grado di “uccidere”, seppure indirettamente, le cellule tumorali, interagendo con le cellule del sistema immunitario, che grazie alla loro capacità di adattarsi e di memorizzare le risposte difensive dell’organismo, riescono a garantire una sopravvivenza a più lungo termine, (anche di più di 10 anni).

Dopo gli eccellenti risultati raggiunti in diversi tipi di cancro, l’immuno-oncologia sta esplorando una vasta gamma di nuove molecole e possibili combinazioni o sequenze, al fine di aumentare il numero di pazienti che possano avere benefici, grazie ai nuovi farmaci.
Proprio su questi temi si concentrerà il corso che si svolgerà a Napoli l’11 dicembre, presso l’hotel ROYAL CONTINENTAL in Via Partenope, 38/44. (info: http://www.strategieonweb.it/ecm/napoli-focus-cancer-and-immunooncology-part-2/). L’evento, organizzato da Sabino De Placido e Fortunato Ciardiello, ordinari di oncologia medica all’università di Napoli Federico II, con contributi della Società Campana di Immunoncologia (SCITO), ha l’obiettivo di fare una panoramica generale dell’immuno-oncologia, delle terapie innovative, per le quali si chiede al governo di guardare con attenzione.

Prof. Paolo Ascierto

Al corso sarà presente tra gli altri, proprio il professor Ascierto, nominato di recente, membro del Board of Directors della Society for Immunotherapy of Cancer (SITC), la più importante società internazionale per lo studio dell’immunoterapia nel cancro, che riunisce più di 1.700 membri che rappresentano 17 specialità mediche. Paolo Ascierto è l’unico italiano a ricoprire, dal 10 novembre per i prossimi tre anni, questa importante carica

Investire nelle novità farmaceutiche, nella ricerca, nelle cure a target molecolare, quindi nell’immuno-oncologia significa cambiare il corso di molte forme di tumore. “Queste nuove armi – ha ribadito Ascierto – sono in grado di sconfiggere la malattia o comunque migliorare la sopravvivenza dei pazienti in modo significativo”. “Ci auguriamo – ha detto – che questa iniziativa della Commissione Sanità del Senato, diventi operativa senza ostacoli,
fornendo un importante contributo a sostenere la spesa per i farmaci oncologici innovativi e garantendo così le terapie migliori per tutti i pazienti. Allo stesso tempo – ha concluso il presidente della SCITO – auspichiamo che sia di incentivo per la definizione di una formula tecnico – organizzativa più strutturale, che permetta contemporaneamente di preservare l’universalità del diritto alla salute riconosciuta dalla nostra Costituzione e la sostenibilità economica del SSN. Su questo, come SCITO, siamo pronti a dare il nostro contributo ai tavoli di confronto istituzionale”.

Scritto da

La riproduzione di questo articolo è riservata.

Non è presente nessun commento.

Invia una risposta