Giornata mondiale del Rene, aderisce anche Galatina

Si calcola che, nella popolazione generale, tra il 7 % e il 10% delle persone, si registri un danno renale molto spesso misconosciuto. Per tale motivo é importante un’adeguata prevenzione delle malattie renali, che si realizza con il precoce riconoscimento dei primi segni, quali l’ipertensione e la proteinuria, ovvero l’eccesso di proteine nell’urina. “Sono ambedue fattori – spiega il dottor Sozzo nefrologo nel reparto di nefrologia di Galatina – che danneggiano gravemente i reni senza dare disturbi, passando per questo inosservati; ma se riconosciuti e curati per tempo, oggi si è in grado di correggere entrambi, prevenendo così il danno renale irreversibile.”

Nasce per questo la Giornata Mondiale del Rene, che si terrà l’otto marzo e che si pone come scopo, quello di aumentare la consapevolezza dell’importanza dei reni per la salute generale di tutti noi e per ridurre la frequenza e l’impatto delle malattie renali e dei loro problemi correlati.

In Italia, la Società Italiana di Nefrologia ( SIN ) e la Fondazione Italiana del Rene ( FIR ), in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, sono le organizzazioni che, in maniera congiunta, stanno promuovendo campagne di
sensibilizzazione sulla “ salute renale “ in coincidenza della Giornata Mondiale del Rene, attraverso numerosi progetti (“ Progetto Camper/Gazebo ““ Progetto Scuole “ e “ Progetto “ Nefrologie Aperte “) che coinvolgono, oltre a tutti gli aderenti alle due organizzazioni, anche le Nefrologie Italiane, i Nefropatici e le famiglie dei Nefropatici.
Sono ormai dodici anni che l’unità operativa complessa di Nefrologia e Dialisi del presidio ospedaliero di Galatina, partecipa attivamente alla Giornata Mondiale del Rene, collaborando a tutti i progetti.
“Anche quest’ anno – spiega il dottor Efisio Sozzo nefrologo nel reparto di nefrologia Galatina, nonché presidente provinciale e coordinatore della Federazione Italiana Rene sezione Lecce – aderiamo all’iniziativa, dedicando la giornata di giovedì 8 marzo, alla realizzazione del Progetto “Nefrologie Aperte “. L’evento è sotto il Patrocinio della ASL Lecce e dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Lecce.”

Dr. Efisio-Sozzo

La popolazione é quindi invitata a recarsi nel reparto galatinese dalle 8,30 alle 13,30 per ricevere uno screening gratuito per la Prevenzione delle Malattie Renali, da parte del personale medico ed infermieristico specializzato, con l’assoluto rispetto della privacy e previo consenso informato. Verrà quindi eseguito il controllo della pressione arteriosa, il calcolo della BMI ( Body Mass Index ) che corrisponde all’indice di massa corporea, un numero che esprime la relazione tra il peso di una persona e la sua altezza e permette di stabilire quanto il nostro peso sia al disopra o al disotto della giusta proporzione, verrà eseguito inoltre l’esame urine
estemporaneo per il controllo dell’eventuale presenza di proteine e/o zucchero.

Il Laboratorio Analisi del “Santa Caterina Novella” di Galatina, parteciperà attivamente al progetto offrendo la disponibilità di un tecnico di laboratorio che affiancherà il Nefrologo, per una adeguata valutazione dell’esame urine. Inoltre, tutta l’equipe Nefrologica galatinese, resterà a disposizione per rispondere a qualsiasi quesito riguardante le patologie renali e la loro prevenzione. Ai soggetti esaminati sarà rilasciata una scheda riportante i risultati degli esami.

Un invito particolare viene rivolto a tutte le donne in quanto, quest’anno, la giornata mondiale del rene coincide
con la giornata internazionale della donna, offrendo l’opportunità di riflettere sull’importanza della salute delle
donne e in particolare della salute dei loro reni. Si cerca di sensibilizzare anche gli studenti delle Scuole Superiori di Galatina che abbiano compiuto i 18 anni: riproponendo così, quel controllo di cui forse si sente la mancanza, effettuato sui giovani maschi durante la visita di leva obbligatoria. L’Istituto Scolastico che aderisce all’iniziativa è IISS ” Falcone-Borsellino” di Galatina. “Naturalmente – aggiunge il dottor Sozzo – é bene che i parenti di persone nefropatiche approfittino a controllarsi, poiché presentano un rischio più alto di contrarre malattie renali.” Nei casi in cui si evidenzieranno dei valori fuori della norma, verrà consigliato di effettuare ulteriore approfondimento diagnostico presso il reparto di Nefrologia del presidio ospedaliero di Galatina.

Scritto da

La riproduzione di questo articolo è riservata.

Non è presente nessun commento.

Invia una risposta